Registrati su Portalissimo.it
Mappa sito

Menù
· Home
· Annunci
· Aste
· Blog
· CercAmici
· Chat
· Contatti
· Directory
· Downloads
· E-cards
· Eventi
· Forums
· Inserisci News
· Internet Radio
· Messaggi privati
· My shop
· News
· Newsletters
· Oroscopo
· Ricerca
· Shout Box
· Sondaggi
· Top 10
· Topics
· Your Account

Servizi-x-Webmaster
· Scambiobanner
· Urlsubmitter
· Tools


annunci

Info utenti
Benvenuto, Anonymous

User:
Password:
Codice: Codice
Inserisci il codice:
(Registrare)

Iscrizione:
più tardi: beataw
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 3256

Persone Online:
Visitatori: 26
Iscritti: 0
Totale: 26

CercAmici
Sex
Age-->
Photo

Affinità di coppia
LUI

+ LEI

=

Box Messaggi
editaweb:
09-10-2019 2:36pm
josan:
30-03-2010 6:04pm
alessandrac: ah
01-04-2008 7:38pm
alessandrac: ciao
01-04-2008 7:37pm
mara: buona donenia a tutti
01-07-2007 11:06am

Solo gli utenti registrati posssono inserire un messaggio. Prego fai il login oppure registrati.

  
Le stagioni del nostro cinema: le linee d’ombra di Armando Crispino
Contributed by Anonymous on Tuesday, 31 March @ 20:31:06 CEST
Topic: Cultura
Armando Crispino rappresenta un enigma tutto italiano. Cinema di genere? Cinema d’autore? Semplicemente indefinibile. Al di là di qualsiasi etichetta

Cominciamo a interrogarci su chi era Armando Crispino, facendoci aiutare non soltanto dalla riemersione di alcune sue pellicole ma anche dal bellissimo documentario del figlio Francesco. Linee d’ombra, come recita la voice over all’inizio del film, è quel limite superato il quale, a un certo punto della nostra vita, non si può più guardare soltanto davanti a sé, ma si è richiamati dall’impulso a voltarsi indietro per vedere anche ciò che è stato. La linea d’ombra è dunque quel limite sotto il quale possiamo ritrovare le nostre radici, quella memoria che si può riportare in superficie soltanto scavando nel terreno che la custodisce. Dal figlio al padre: percorso a ritroso di un figlio che, attraverso il cinema, cerca un incontro con il padre (non è un caso che la regia del documentario è accreditata anche ad Armando, scomparso nel 2003). Dal padre al figlio: in questa indagine sulle tracce paterne vi appare un’analisi del cinema di genere degli anni Sessanta e Settanta, perfetta zona d’ombra, esplorata solo superficialmente e spesso lasciata nelle mani entusiaste ma spesso irragionevoli delle fanzines. In questo transfert cinefilo Francesco diventa il teorico, lo spettatore attento che scrive, il critico ideale che il padre (non solo quello biologico ma il Cinema in tutte le sue forme e declinazioni) avrebbe voluto leggere sulle pagine di qualche rivista. Due intellettuali a confronto. Nei primi anni del secondo dopoguerra Armando Crispino fu redattore della terza pagina dell’edizione torinese de «L’Unità» insieme a Raf Vallone. Successivamente, passando dalla critica al set e da Torino a Roma, diventò uno dei più ricercati aiuto registi in circolazione. Negli anni Cinquanta è infatti sul set con Comencini, Germi, Camerini, Provenzale e, soprattutto, con Antonio Pietrangeli, con cui inizia un vero e proprio sodalizio e per il quale diventa anche sceneggiatore. Crispino passa alla regia alla metà degli anni Sessanta e tra il 1966 e il 1976 realizza otto lungometraggi e un episodio (non accreditato) de L’amore difficile. La crisi del cinema italiano che si sviluppa dalla metà degli anni Settanta gli impedisce di portare avanti altri progetti per lo schermo. Come scrive giustamente Simone Ghelli, Armando Crispino «seppe coniugare la sua sensibilità di intellettuale alla necessità di doversi rivolgere a un pubblico più “popolare”. Come regista e sceneggiatore attraversò i generi più disparati – dai musicarelli al western, passando per la commedia e il giallo – con uno stile ben definibile, capace di maneggiare i materiali più eterogenei, da quelli culturalmente “alti” – come ad esempio in La badessa di Castro (1974) – a quelli più “bassi”, come poteva essere ad esempio considerato il nascente genere giallo in Italia (L’etrusco uccide ancora, 1972, e Macchie solari, 1974). Nonostante ciò, o forse proprio per questo, Crispino è rimasto un autore relegato nell’ombra, anche in un’epoca in cui il mercato – e con esso la critica – ha deciso di sdoganare gran parte del cinema di genere degli anni Settanta e Ottanta». Ed ecco che un certo cinema artigianale mediato intellettualmente da un cineasta colto come Armando Crispino diventa l’occasione per il figlio Francesco e per noi spettatori di scoprire e conservare un immaginario cinematografico ma anche storico che sta sparendo velocemente nei sempre più omologanti pixel televisivi. La militanza delle immagini in movimento contro quelle “semoventi” televisive. Il ritrovarsi di un figlio sulle opere del padre. Cinefilia essenziale ed esistenziale. I film come la vita. E viceversa.

Programma delle proiezioni e incontro:

giovedì 2 ore 17.00
Commandos (1968)
Regia: Armando Crispino; soggetto: Don Martin, Arthur Brauner, da una storia di Menhaem Golan; sceneggiatura: A. Crispino, Lucio Battistrada, Stefano Strucchi, Dario Argento; fotografia: Benito Frattari; musica: Mario Nascimbene; montaggio: Daniele Alabiso; interpreti: Lee Van Cleef, Jack Kelly, Giampiero Albertini, Marino Masè, Marilù Tolo, Gotz George; origine: Italia/Germania Occidentale; produzione: C.C.I. - Compagnia Cinematografica Internazionale, P.E.C., CCC Filmkunst; durata: 119’

ore 19.10
Frankestein all’italiana (1975)
Regia: Armando Crispino; soggetto e sceneggiatura: Massimo Franciosa, Luisa Montagnana; fotografia: Giuseppe Aquari; musica: Stelvio Cipriani; montaggio: Angela Cipriani; interpreti: Aldo Maccione, Gianrico Tedeschi, Ninetto Davoli, Jenny Tamburi, Anna Mazzamauro, Lorenza Guerrieri; origine: Italia; produzione: R.P.A.; durata: 97’

ore 21.00
incontro moderato da Pierpaolo De Sanctis con Lucio Battistrada, Francesco Crispino, Ninetto Davoli, Steve Della Casa

a seguire
Linee d’ombra (2007)
Regia: Armando e Francesco Crispino; soggetto e sceneggiatura: F. Crispino; fotografia: Sergio Di Lino; montaggio: Salvatore Allocca; aiuto regia: Pierpaolo De Sanctis; operatore 2ª macchina: Lorenzo Leone; fonico in presa diretta: Francesco Del Grosso; origine: Italia; produzione: F. Crispino, Dipartimento Comunicazione e Spettacolo - Università di Roma Tre, Vega’s Project, con il contributo di CinemaAvvenire; durata: 75’

venerdì 3 ore 17.00
Le piacevoli notti (1966)
Regia: Armando Crispino e Luciano Lucignani; soggetto: Sandro Continenza, Steno [Stefano Vanzina], L. Lucignani, A. Crispino; sceneggiatura: S. Continenza, Steno; fotografia: Leonida Borboni, Erico Menczer, Gabor Pogany; montaggio: Marcello Malvestito; interpreti: Ugo Tognazzi, Magda Konopka, Gina Lollobrigida, Adolfo Celi, Vittorio Gassman, Maria Grazia Bucella; origine: Italia; produzione: Fair Film; durata: 119’

ore 19.10
L’etrusco uccide ancora (1971)
Regia: Armando Crispino; soggetto e sceneggiatura: Lucio Battistrada, A. Crispino; fotografia: Erico Menczer; musica: Riz Ortolani; montaggio: Alberto Gallitti; interpreti: Alex Cord, Samantha Eggar, John Marley, Carlo De Mejo, Nadja Tiller, Enzo Cerusico; origine: Jugoslavia/Italia/Germania Occidentale; produzione: Inex Film, Mondial Te.Fi. - Televisione Film, CCC Filmkunst; durata: 107’ Vietato ai minori di anni 14

ore 21.10
Macchie solari (1975)
Regia: Armando Crispino; soggetto e sceneggiatura: Lucio Manlio Battistrada, A. Crispino; fotografia: Carlo Carlini; musica: Ennio Morricone; montaggio: Daniele Alabiso; interpreti: Mimsy Farmer, Barry Primus, Ray Lovelock, Massimo Serato, Carlo Cataneo, Gaby Wagner; origine: Italia; produzione: Clodio Cinematografica; durata: 104’ Vietato ai minori di anni 18

Cineteca Nazionale-Cinema Trevi 2-3 aprile 2009
vicolo del puttarello, 25 Roma


 
Links Correlati
· Inoltre Cultura
· News by michele-1981


Articolo più letto relativo a Cultura:
Ecco due prove che Gesù Cristo non è mai esistito


Article Rating
Average Score: 0
Voti: 0

Please take a second and vote for this article:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad



Opzioni

 Pagina Stampabile  Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico  Invia questo Articolo ad un Amico


Argomenti Correlati

Cultura


Copyright © 2005 NowOrNever web-sistem. Tutti i diritti riservati.
info@portalissimo.it

'

All logos and trademarks in this site are property of their respective owner. The comments are property of their posters, all the rest © 2002 by me


Web site engine code is Copyright © 2003 by PHP-Nuke. All Rights Reserved. PHP-Nuke is Free Software released under the GNU/GPL license.
L''uso di questo sito web implica l''accettazione dell''Accordo per gli utenti di Portalissimo.it e delle Regole sulla privacy.


Generazione pagina: 0.070 Secondi